Unsung Heroes of Compassion 2014 – San Francisco

 

San Francisco 22-23 Febbraio 2014

In occasione dell’evento ‘Unsung Heroes of Compassion 2014‘ 51 persone provenienti da 21 Paesi sono state premiate per il proprio lavoro, svolto per alleviare le sofferenze delle popolazioni meno fortunate, per portare cure di salvezza alle regioni colpite dalla guerra e alle persone affette da gravi patologie.

Il premio ‘Unsung Heroes of Compassion’ onora proprio quelle persone che lavorano silenziosamente, ma con grande passione, per promuovere la pace e la guarigione in giro per il mondo.
Eroi sconosciuti, che agiscono silenziosi, il cui unico scopo è portare un po’ di sollievo alle sofferenze altrui.
Eroi tra cui compare anche il nome di Paolo Morselli, presidente di Interethnos Interplast Italy.

La cerimonia si è svolta a San Francisco ed ha visto il suo culmine nella benedizione del Dalai Lama: un momento intenso, emozionante e commovente.

“Due giorni per un riconoscimento sembrava un tempo incredibilmente lungo.
Il primo giorno un appuntamento riservato a coloro che avrebbero ricevuto il premio.
Persone cercate e raccolte dagli angoli più remoti del mondo riunite in una sala per scambiarsi idee sui progetti che a loro stanno più a cuore.

21  nazioni chiamate a rappresentare un evento in perfetta filosofia InterEthnos, che significa ‘tra i popoli’.

Un caleidoscopio di colori della pelle modellata a ricoprire i volti di strutture estremamente diverse, ma accomunate da valori e principi di concretizzare le idee che spesso si arrestano nelle parole.

Concretizzazione del gesto che passa attraverso le più variegate modalità: concentrate sulla salute, sulla attività lavorativa, sulla preservazione della acqua e dell’aria.

Uniti per una dignità dell’ “uomo” attraverso il sostegno dell’educazione e della cultura.

Il giorno dopo una mattina per lo scambio dei progetti per rivedere volti appena conosciuti, per preparare noi stessi a ricevere un riconoscimento onorabile, attivare riflessioni delle azioni passate e far nascere  idee per il futuro.

E poi la semplice, ma sublime lezione di rappresenti di ricerca spirituale di ogni direzione e infine….. un semplice gesto delle mani, uno sguardo profondo diretto negli occhi…. così potente da non poter esser sostenuto a lungo.
E poi il capo che fisiologicamente si porta verso il basso, verso la terra, come spesso si fa in un gesto di umiltà.”

Paolo G Morselli

 

dalai_lama_paolo_morselli_unsung_heroes_compassion_2014_1

dalai_lama_paolo_morselli_unsung_heroes_compassion_2014_2

dalai_lama_paolo_morselli_unsung_heroes_compassion_2014_3