nepal2

2016 – 2018 Nepal

E sulla base dell’impegno umanitario nasce nel 2016, per una sinergia tra la nostra associazione e il Rotary Club Bologna, il progetto Patan.

Il Rotary Club Bologna ha proposto a Interethnos Interplast italy di partecipare alla organizzazione di un progetto teso a migliorare la qualità delle prestazioni di un ospedale in un Paese in via di sviluppo.

Ha espressamente chiesto al nostro presidente Prof. Paolo Morselli di cercare e valutare una struttura che rispecchiasse parametri di necessità e serietà professionale dei sanitari responsabili.

Il Prof. Morselli ha individuato nella figura del dr Ray Shankar e Kirtipur Hospital la persona e la struttura adeguata.

Il Prof. Morselli ha conosciuto personalmente il dr Shankar Ray durante la nostra prima missione in Nepal nel 1995 presso Tribhuvan University Teaching Hospital di Katmandu e di averlo incontrato nuovamente durante la missione del 2007 al Model Hospital di Katmandu. Il dr Ray in quell’occasione ha curato l’organizzazione della missione in loco.

Il dr Ray si e’ sempre dimostrato estremamente interessato alla nostra attività supportandoci sia nel trattamento chirurgico dei pazienti più poveri che nell’insegnamento ai medici locali, una prova della considerazione che ha del nostro operato l’ha dimostrata anche inviando un medico del suo ospedale a Dhaka durante la nostra undicesima missione in quel paese.

Kirtipur è un villaggio situato nella Valle di Katmandu a circa cinque chilometri dalla capitale Katmandu, nasce come avamposto militare della città Patan la più antica tra le città reali della valle di Katmandu, oggi considerata patrimonio dell’UNESCO è tra le maggiori città del Nepal.

Il Kirtipur Hospital si occupa quasi esclusivamente del trattamento di bambini malformati e di ustioni, per questa patologia vengono trattati anche gli adulti.

La finalità è di aiutare questo ospedale, attraverso una raccolta fondi, ad acquistare attrezzature sanitarie che lo possano adeguare alle esigenze.

Il dr Shankar Ray ha ufficialmente presentato al Rotary Club Bologna una richiesta di fornitura della strumentazione necessaria.

Il progetto prevedeva il raggiungimento di una cifra superiore ai 50.000,00, necessaria affinchè il Rotary International ne raddoppiasse l’importo raggiungendo così un importante contributo economico necessario per l’acquisto delle attrezzature ospedaliere.

Le vicissitudini di quel popolo avvenuto in questi ultimi anni hanno peggiorato in modo esponenziale la criticità del Paese.

Dal 2016 ad oggi abbiamo fatto 3 missioni umanitarie nell’Ospedale di Kirtipur effettuando oltre 300 visite specialistiche e 80 interventi chirurgici, su pazienti affetti da malformazioni del volto ed esiti di ustione, e numerose ore di lezione con argomenti che hanno spaziato dalla chirurgia rigenerativa nella cura delle ferite, alla terapia delle ustioni, alla gestione delle ferite ulcere e cicatrici, alla anestesia di pazienti pediatrici affetti da malformazioni.

 

La quarta missione all’ospedale di Kirtipur è partita oggi il 14 marzo 2018.
nepal1
IMG-8780
nepal-casi-clinici